Melologo per piano e voce di Rossella Spinosa
e Laura Silvia Battaglia

Lunedì 18 marzo al Gallio c'è "INUMANA Cos'è un uomo senza la libertà?"
di Rossella Spinosa e Laura Silvia Battaglia

Como, 14 marzo 2024

Una prima assoluta con grandi protagonisti a Como, organizzata dal Festival 5 giornate di Milano in collaborazione con il Festival del Melologo di Como in un ideale ricollegamento storico della città meneghina con le 5 Giornate di Como. Lunedì 18 marzo, alle 21, negli storici spazi del Pontificio Collegio Gallio, va in scena Inumana, melologo in un atto per pianoforte e voce di Rossella Spinosa e Laura Silvia Battaglia, giornalista e documentarista, reporter in aree di crisi specializzata in Medio Oriente e docente in diverse istituzioni italiane ed europee. Sottotitolato Cos’è un uomo senza la libertà? e in stretto dialogo con la tragica complessità del presente, il melologo è incentrato sull’attuale situazione del conflitto mediorientale. Uno spettacolo volto a guardare con trasparenza, ma con il coraggio e la forza delle arti, ciò che accade in Medio Oriente, per cercare di comprendere, per cercare di accostarsi a quanto accade e scoprire il lato inumano di ogni guerra. Frutto di un intenso lavoro documentale, lo spettacolo guida il pubblico in un crocevia di memorie, temi e spunti di riflessione, un viaggio di musica e parole che riflette uno spirito di forte condivisione artistica e umana nella polifonia di voci e storie. Con il pianoforte e la voce recitante che interagiscono nell’azione scenica senza soluzione di continuità, nell’avvicendarsi dei quadri e dei personaggi, lo spettacolo si snoda come un racconto in musica che apre a momenti di coinvolgente profondità emotiva, con le artiste sul palco intente a dare voce, nel necessario connubio di bellezza artistica e verità, ad un irrinunciabile messaggio di speranza.

INUMANA
Cosa succede a un essere umano, privato della sua volontà e del suo corpo, soggiogato in una condizione di costrizione, di contenimento fisico ed emotivo? E cosa può significare tutto questo se diventa la modalità di negoziazione di un conflitto centenario, ormai difficilmente risolvibile in una convivenza pacifica? Se lo chiede uno spirito, ormai libero dal suo corpo, in attesa di essere traghettato dalla terra all’aldilà e che, in questo passaggio, si trova intrappolato in un tunnel nella Striscia di Gaza. Il suo compito, prima di arrivare nei cieli più alti dell’oltretomba, è facilitare altre anime in bilico tra la vita e la morte ad attraversare il passaggio oppure a fermarsi sulla soglia, a seconda del volere di Dio. Questa anima, che si definisce “the ghost of channel”, è testimone delle sorti di cinque persone: una giovane donna ebrea ostaggio di Hamas; un soldato israeliano che sta attraversando un tunnel sotterraneo per stanare il nemico; un miliziano delle brigate al Qassam che deve decidere dove nascondersi e se e quando attaccare; una donna palestinese, intrappolata sotto le macerie della sua casa bombardata; un bambino disteso sulla lettiga di una sala operatoria improvvisata, già sospeso tra la vita e la morte. Su un rumore elettronico, sotteso all’intero svolgimento del plot, il pianoforte e la voce recitante interagiscono nell’azione scenica senza soluzione di continuità, nell’avvicendarsi dei quadri e dei personaggi, rispondendo alla domanda prioritaria: cosa resterà di noi, dove andremo, partendo da una condizione di vita divenuta ormai “inumana”?

Laura Silvia Battaglia Giornalista professionista freelance e documentarista, lavora come reporter in aree di crisi dal 2007, è conduttrice e autrice per RAI Radio 3 e collabora con il quotidiano americano The Washington Post. Specializzata in Medio Oriente, con particolare focus su Iraq e Yemen, ha lavorato come corrispondente da Sanaa (Yemen) per l'agenzia video-giornalistica americano-libanese Transterra Media, l'agenzia turca TRTWorld, il servizio pubblico svizzero (RSI), Index on Censorship, The Fair Observer, Guernica Magazine , Al Jazeera English and Arabic, The Week. Per i media italiani collabora stabilmente con quotidiani (Avvenire, La Stampa, Repubblica), network radiofonici (Radio24, Radio Popolare, Radio Inblu), televisione (Skynews, Rainews24, Tg3 di Rai3, Tv2000), periodici (L'Espresso, Il Venerdì di Repubblica, Millenium del Fatto Quotidiano, D di Repubblica, Donna Moderna, Jesus, Credere) e siti web, tra cui Il Reportage e Terrasanta. Ha girato, autoprodotto e distribuito dieci documentari, tra i quali Yemen, nonostante la guerra, prodotto da Rai Doc/ZDF e Al Jazeera Arabic, uno spaccato nella vita dei civili yemeniti in guerra, vincitore del premio per migliore documentario all'European Film Festival UK 2021. Ha vinto i premi Lucchetta, Siani, Cutuli, Anello Debole e Giornalisti del Mediterraneo per tre volte. Dal 2007 insegna in diverse istituzioni italiane ed europee, tra cui l'Istituto Reuters all'Università Oxford ed è direttore delle testate della Scuola di giornalismo dell'Università Cattolica di Milano. Ha scritto l'e-book Lettere da Guantanamo (Il Reportage, dicembre 2016), appena ripubblicato in edizione aggiornata da Castelvecchi editore, e, insieme a Paola Cannatella, il graphic novel La sposa yemenita (Becco Giallo, gennaio 2017), tradotto in quattro lingue.

Rossella Spinosa Si diploma in pianoforte, clavicembalo, composizione e si laurea in Legge e Musicologia. Suona in sale come la Carnegie Hall di New York, Italian Bunka Kaikan di Tokyo, Accademia Liszt di Budapest etc, ed esegue molte opere nuove a lei stessa dedicate, in Europa, Canada, Stati Uniti, Russia, Sud America, Corea e Giappone. Collabora per anni con il Premio Oscar Luis Bacalov; scrive opere per orchestra, per la lirica ed il teatro, commissionate ed eseguite da Kyev Camerata, I Pomeriggi Musicali, Orchestra del Governatorato di San Pietroburgo, Seoul Pro Art Orchestra, Lomza Philarmonia, Orchestra da Camera di Lugano, Orchestra da Camera Fiorentina, Orchestra Filarmonica Italiana, Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, Orchestra della Magna Grecia, etc. Compone le musiche per oltre cento pellicole di cinema muto che registrano grande riscontro di pubblico e di critica. Lavora con Ottavia Piccolo, Moni Ovadia, Paolo Rossi, il Duo Pali&Dispari e Teresa Mannino in performance live. Il suo cd monografico edito da Stradivarius dal titolo “Rossella Spinosa: Orchestral and chamber works, vol. 1”, è stato inserito da Il Manifesto tra le migliori dieci produzioni di musica nuova del Decennio 2011-2020, unico nome italiano in una lista di caratura internazionale.

Informazioni

Lunedì 18 marzo ore 21 PONTIFICIO COLLEGIO GALLIO di Como Via Tolomeo Gallio 1 Spettacolo “Inumana” con Laura Silvia Battaglia e Rossella Spinosa (Ingresso libero)

Open day permanente

Ultime news

Pontificio Collegio Gallio

Via Tolomeo Gallio 1
22100 Como
[email protected]

+39 031 269302

C.F. e P.IVA: 03145110155

Facebook