Affrontare l’Esame di Stato

Affrontare l’Esame di Stato

Esame di Stato: un incubo o un’opportunità? Di certo il primo grande passo in un lungo cammino di verifiche che i nostri giovani devono imparare ad affrontare con serenità. Se è vero che “Gli esami non finiscono mai” come scrisse il grande Eduardo, tanto vale cominciare sin da subito a comprenderne i meccanismi.

Le competenze che un alunno di quattordici anni deve dimostrare di aver raggiunto sono molteplici. Tra tutte  però spicca quel “Imparare ad imparare” che è alla base di tutto il Primo Ciclo d’Istruzione. Così abbiamo deciso di dare un valore particolare all’approfondimento di una tesi che i candidati all’Esame di Stato dovranno affrontare come apertura del colloquio orale. Una traccia personale, focalizzata su di un argomento specifico, sviluppata attraverso un uso consapevole delle fonti, redatta in forma scritta con proprietà e seguendo regole precise, esposta oralmente con sicurezza e capacità riassuntiva, avvalendosi di materiali e tecniche multimediali. Il tutto realizzato sotto la guida attenta di un insegnante tutor, un antesignano del Relatore dell’esame di Laurea. Un lavoro tutt’altro che improvvisato, lungo l’intero secondo quadrimestre, meticoloso: un’opportunità per mettere sulla bilancia della valutazione anche le proprie passioni, la curiosità, quel po’ di se stessi che sembra essere così lontano dal meccanismo di un esame.

L’esperienza di tanti anni di lavoro ci ha permesso di condensare i consigli per la preparazione di questo lavoro in un agile vademecum, che qui presentiamo e che riassume in poche pagine il significato di un momento che non può essere ridotto alla svogliata compilazione di una “tesina”, ma che rappresenta un appuntamento unico nella storia scolastica dei nostri giovani.

Ecco il testo proposto ai ragazzi